Il Mal di Schiena, Le Cause

Scopriamo le cause che provocano il Mal di Schiena, sapremo dove agire in modo Efficace

Nella prima parte abbiamo cercato di dare una definizione al mal di schiena e abbiamo fatto una breve panoramica guardando questo problema da più angolazioni. Ora ci concentreremo via via in modo più approfondito sui diversi aspetti in modo da poter essere tra un po' di tempo pienamente coscienti e consapevoli di come ci siamo procurati questo fastidio, e conseguentemente, la parte più importante, come possiamo porci rimedio in modo autonomo.

In questo articolo parleremo di cosa provoca il mal di schiena, andremo ad affrontare le cause. La consapevolezza è essenziale se si vuol risolvere un problema. E' essenziale perché ci consente di conoscere il problema e di estirparlo dalla radice.

Questo è un approccio attivo, che rende la Persona consapevole e responsabile di se stessa e della propria salute. Pienamente cosciente del suo problema, e realmente attiva e protagonista del percorso risolutivo.

Le cause del mal di schiena sono per l'80% di origine aspecifica e per il restante 20% specifica, ovvero provocate da patologie specifiche.

Andiamo in ordine partendo da quelle più diffuse, i dolori aspecifici (80% di tutti i problemi alla colonna vertebrale), che quindi non sono provocati da problemi, da patologie, insite nella colonna, ma che invece sono provocati da nostri comportamenti errati:

• POSTURE E MOVIMENTI SCORRETTI:

Sono tutti quei movimenti che compiamo durante la vita quotidiana e ripetiamo più o meno consapevolmente in modo errato, oppure troppo a lungo, oppure peggio ancora in modo errato e troppo a lungo contemporaneamente. Derivanti sia da attività lavorative che dal riposo, o da qualsiasi altra attività. Questo secondo la mia opinione ed esperienza è di gran lunga la problematica più grande e influente per il nostro mal di schiena e per tutte le problematiche relative alla nostra colonna vertebrale. Imparare i giusti movimenti fa, senza ombra di dubbio, una notevole differenza per la nostra salute.

Da sottolineare poi è, che la sommatoria delle nostre posture scorrette, col tempo può passare da semplice dolore a danno effettivo sulle strutture anatomiche.

• STRESS PSICOLOGICO:

Queste cause si contendono il primo posto con i movimenti scorretti enunciati sopra.

Il nostro corpo e la nostra mente sono esattamente, e parlo a livello fisiologico (fisico), due facce della stessa medaglia. Dobbiamo per forza concepirle strettamente collegate, indissolubilmente connesse. Sono due elementi dello stesso sistema. Entrambi si influenzano, sia positivamente che negativamente.

La colonna, in tutta la sua interezza, dalla cervicale alla zona lombare, fino all'osso sacro, subisce influenze importanti derivanti dallo stress e dagli stati d'animo negativi, sia meccanicamente (lo stato d'animo negativo ci costringe spesso a posture scorrette) che a livello nervoso (iper-sollecitazione del sistema nervoso).

• FORMA FISICA SCADENTE, SOVRAPPESO, OBESITA', FUMO E CAFFEINA:

Questi sono elementi che anche se non direttamente, agiscono negativamente sulla nostra schiena, influenzano in modo importante il nostro stato di salute generale.
Se ci alimentiamo male, siamo deboli e soggetti a malattie o disfunzioni più o meno gravi, se ci muoviamo poco il nostro corpo perde le sue funzioni, invecchia precocemente e di molto anche, se siamo in sovrappeso o siamo obesi tutte le nostre funzioni corporee sono compromesse. Fumo e caffè in eccesso ci danneggiano irreparabilmente.
In un quadro simile, la nostra schiena si trova in una situazione favorevole al suo danneggiamento, se non per via diretta, per via indiretta sicuramente.
Se il nostro corpo è debole, ogni sua struttura è in pericolo, la colonna vertebrale non fa eccezione, e questa è naturalmente nostra responsabilità.

Per quanto riguarda le patologie specifiche (20% dei problemi alla colonna vertebrale) possiamo elencare:

• PROTRUSIONE ED ERNIA DEL DISCO
• SPONDILOLISI e SPONDOLOLISTESI
• STENOSI DEL CANALE SPINALE
• FRATTURE VERTEBRALI
• SCOLIOSI, IPERCIFOSI
• OSTEOPOROSI
• TUMORI DELLA COLONNA
• ALTRE ANOMALIE ANATOMICHE

In questi casi, che meriterebbero il giusto approfondimento (che faremo più in là), la risoluzione totale non sempre è possibile, ma, col giusto approccio composto da una presa di coscienza della problematica, una corretta attività fisica assolutamente mirata e specifica, una corretta alimentazione, si può svolgere senza problemi una vita normale, anche esente da dolori, o comunque con una riduzione molto importante e quasi completa.

Da sottolineare come alcune di queste patologie, a volte, siano totalmente asintomatiche e che non portino nessuna disabilità. Invece, in alcuni casi sempre in questo 20% possiamo trovare patologie gravi, che necessitano un intervento medico-specialistico immediato, alcuni segnali che potrebbero condurci verso una valutazione appropriata per questo tipo di problematiche gravi, sono:

• Paresi progressiva degli arti inferiori

• Ritenzione o incontinenza urinaria o fecale

• Febbre

• Infezioni urinarie

• Uso prolungato di farmaci cortisonici

• Perdita di peso rapida e ingiustificata

• Astenia persistente

• Neoplasia pregressa

• Trauma significativo

• Trauma modesto, se in soggetti anziani

• Patologie immunitarie

• Dolore costante, progressivo, non di origine meccanica

• Importante riduzione, persistente, della mobilità lombare

• Cadute frequenti per insensibilità agli arti inferiori

 

Per finire dobbiamo notare e tener presente, in modo molto importante, come evidenziato nei paragrafi precedenti, che a causare la maggior parte dei dolori e dei problemi alla colonna vertebrale, non siano problematiche congenite, ma invece comportamenti e abitudini errate, per un abbondante 80 - 85%.

Questo trasferisce nelle nostre mani la possibile e auspicabile soluzione.

Se impariamo a comportarci in modo corretto e responsabile verso noi stessi, con un'adeguata educazione al movimento e un esercizio mirato (e una buona alimentazione) possiamo davvero risolvere definitivamente i nostri problemi di schiena, che essi siano alla zona lombare, cervicale, o dorsale.

Il primo passo verso la risoluzione del nostro mal di schiena è la consapevolezza, la conoscenza.

Dobbiamo sapere come siamo fatti e come funzioniamo. Certo, non è necessario sapere perfettamente il dettaglio anatomico e fisiologico del nostro corpo, ma la base si, è importante, ed anche magari inaspettatamente interessante. (Se vuoi saperne di più, partecipa ad una Conferenza informativa gratuita)

 

Lascia il Tuo commento, dal confronto nascono sempre spunti interessanti.


Dr. Alessandro Colombo